Marco Rinaldi

Nato a Brescia il 3/8/1967, Leone asc. Capricorno. Espansivo come una lapide e sorridente come il personaggio dell’Urlo di Munch , è il Direttore Artistico dei Seguitar per il fondamentale motivo che è quello che ha più Cd di tutti gli altri. Ha frequentato la predetta scuola di chitarra tra l’82 e l’86 per poi militare per qualche anno nel più importante gruppo di cui la Musica si sia fortunatamente dimenticata, ovvero gli Hemispheres (per gli amici, le “mezze palle”). Nei Seguitar suona la chitarra classica, la chitarra acustica, la 12 corde, il basso, il tamburello e canta (ma non sempre tutto contemporaneamente), e svolge la fondamentale funzione di self motivator emphasizer man. Il rompicoglioni, insomma. Inoltre, essendo l’unico in grado di contare fino a tre, il suo ruolo precipuo è quello di dare i tempi dei pezzi. Nella vita reale lavora come Tecnico di Laboratorio presso il locale Ospedale Civile perfezionandosi in Autopsie Precoci, cioè quelle fatte direttamente sui vivi per risparmiare inutili esami arrivando nel contempo ad una diagnosi precisa al 100%. Recentemente è tornato a minacciare di riprendere a suonare la chitarra elettrica e l’Interpol ha subito attivato un nucleo antiterrorismo. E’ comparso nei mesi scorsi sulla copertina di “Time” con la importante motivazione: ”L’uomo al mondo con l’umore peggiore la mattina presto”. E’ anche l’autore di queste biografie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.